Piazza Garibaldi, 8 - piano 2 - int. 212, 35122 Padova

Novità 2019: introduzione cedolare secca sulle locazioni commerciali

Anticipazioni nuova Legge di Bilancio
cedolare secca sulle locazioni commerciali

Con la bozza presentata il 31/10/2018, sono già note le misure e gli incentivi che il governo gialloverde ha introdotto nella nuova Legge di Bilancio 2019.

Mancando poco più di un mese alla sua approvazione, noi di Sara Immobiliare, abbiamo deciso di anticipare un’interessante opportunità: la possibilità di applicare la cedolare secca anche alle locazioni di ambienti a destinazione d’uso commerciale.

MA COS’È LA “CEDOLARE SECCA”?

Si tratta di un regime facoltativo, che consente il pagamento di un’imposta sostitutiva dell’Irpef e delle addizionali (per la parte derivante dal reddito dell’immobile) applicabile, finora agli immobili appartenenti alle categorie catastali da A1 ad A11, in sostanza, appartamenti e unità residenziali di vario genere. Per i contratti sottoscritti con questo metodo, non vengono pagate l’imposta di registro e l’imposta di bollo, né le risoluzioni o le proroghe, come invece accade per gli altri tipi di contratto. Scegliendo la cedolare secca però, si accetta di rinunciare all’aggiornamento del canone di locazione, inclusa la variazione Istat, per tutta la durata del contratto.
La cedolare secca si calcola applicando un’aliquota del 21% sul canone annuo stabilito per la locazione.

>> Link alla pagina dell’Agenzia delle Entrate con dettagli della cedolare secca – residenziale

DA QUANDO E PER COSA

Dal 1° gennaio 2019 (dopo l’approvazione della nuova Legge di Bilancio), la possibilità di applicare la cedolare secca sarà estesa anche ai nuovi contratti di locazione stipulati dalle persone fisiche (cioè al di fuori di un’attività d’impresa o professionale, quindi i privati), per immobili destinati all’uso commerciale.
Questi immobili sono quelli dedicati alla vendita di prodotti o prestazioni di servizi che appartengono alla categoria catastale C1 (negozi e botteghe) e delle relative pertinenze, come magazzini o depositi, rimesse o tettoie, se facenti parte del contratto di locazione.

I REQUISITI

Al fine di poter usufruire di quest’imposta sostitutiva, devono essere rispettate alcune condizioni:
– La superficie dell’immobile oggetto della locazione, deve avere una superficie complessiva non superiore a 600 mq (al netto delle eventuali pertinenze);
– I contratti devono essere stipulati nel 2019;
– I nuovi contratti, alla data del 15/10/2018, non siano stati anticipatamente disdetti al fine di usufruire questa agevolazione.

Hai un immobile commerciale da affittare? Corri da Sara Immobiliare: ti sapremo seguire nella sua promozione, nella selezione degli affittuari e nella stipula del contratto con questo metodo vantaggioso. Un’occasione di cui approfittare!

Post Correlati